"Renato Sandrini fotografa mosso da una grande passione che si divide tra il piacere del momento fotografico e quello del comunicare e condividere quell'emozione e quelle suggestioni. Grazie a questa passione a distanza di oltre trent'anni dal primo scatto, la fotografia continua ad essere per lui una costante rigenerazione di vita interiore."
Il primo contatto con la fotografia avviene in occasione di un viaggio in Sicilia, si forma nel gruppo 3C di Cascina, dai primi anni '80 collabora con Fulvio Roiter, con il quale realizza svariati fotolibri tra i quali Il Chianti, Il Gioco del Ponte, Terra d'Europa, Firenze teatro, Firenze essere nello sport, Pisa ecc. Nel frattempo firma altri volumi, Livorno, La Torre Pendente, Viaggio in Calabria, La calabria, L'altra Toscana, Il padule di Bientina, Viaggio a Canneto, List Le sfide dell'eccellenza ecc.
Collabora con testate nazionali ed estere pubblicando su L'Express, Capital International, Merian, Italy Italy, Bell'Italia, Gardenia, Airone ecc. Ha realizzato fotografie e reportage in gran parte della toscana, ha raccontato la sua Venezia e le foto della città sono state oggetto di svariate mostre, Minolta Italia (oggi Sony) nel corso degli anni ha utilizzato le sue fotografie per allestire eventi e mostre. Ha collaborato con Olympus. La rivista Fotografare ha pubblicato speciali a lui dedicati. Predilige il paesaggio per i momenti di luce ed i colori che può regalare.